Tu sei qui

Deducibilità totale spese di formazione per Partite IVA

Inviato da Amministratore il Lun, 08/02/2016 - 16:59

Dopo il varo della Legge di Stabilità 2016, è giunta dal Consiglio dei Ministri l’approvazione del tanto atteso Ddl sul lavoro autonomo, che permetterà la deducibilità integrale delle spese di formazione sostenute dai liberi professionisti.

La norma prevede la deducibilità integrale, entro il limite annuo di € 10.000, per le spese per l’iscrizione a master e a corsi di formazione o di aggiornamento professionale nonché per le spese di iscrizione a convegni, congressi et similia.

E' dunque sancito il passaggio della deducibilità delle spese di formazione dal 50%, fino ad ora in vigore, al 100%

Valentuomo S.r.l. vuole incoraggiare la promozione delle attività formative per titolari di Partita IVA garantendo sconti, per la categoria, fino al 40% sul costo di listino, per le seguenti tipologie formative:

  • Corsi individuali in Full Immersion in varie lingue in opzione
  • Percorsi di Executive Coaching con docenti di provata esperienza
  • Partecipazioni a Convegni su specifiche tematiche con partner nazionali (solo fino ad esaurimento disponibilita')

Per chiedere su quali tipologie formative attivare la promozione e come usufruire delle nuove opportunità del Decreto Legge scriveteci cliccando su questo link

Approfondimento sul testo del Decreto Legge

All’articolo 54, comma 5, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, le parole: «le spese di partecipazione a convegni, congressi e simili o a corsi di aggiornamento professionale, incluse quelle di viaggio e soggiorno* sono deducibili nella misura del 50 per cento del loro ammontare» sono sostituite dalle seguenti: «entro il limite annuo di 10.000 euro, le spese per l’iscrizione a master e a corsi di formazione o di aggiornamento professionale nonché le spese di iscrizione a convegni, congressi e simili sono integralmente deducibili».

*Non è prevista, nel nuovo testo, la deducibilità delle spese di viaggio e soggiorno.